Costantini consegna Giulianova alla Lega, Salvini ringrazia

Municipio leghistaDopo lunghe trattative e continue oscillazioni  tra Fratelli d’Italia e la Lega di Salvini, è stato annunciato dal segretario regionale D’Eramo il passaggio ufficiale  del sindaco Costantini alla Lega.
Il percorso politico di Jwan Costantini ha dell’incredibile.
Sappiamo che è stato per anni un esponente di Forza Italia. Sennonché quando il centrodestra non lo ha voluto candidare a sindaco si è inventato una sedicente coalizione civica ed ha messo in campo una costosissima  campagna elettorale.
Al momento del ballottaggio si è presentato come candidato alternativo a quello della Lega che era sostenuto dai partiti di centrodestra affermando che votare lui significava sbarrare la strada al Leghismo nella nostra città.
Una volta eletto ha cominciato ad armeggiare per meglio collocarsi nei partiti con lo scopo di  curare la propria carriera politica, pronto a svestirsi degli improvvisati panni del civismo. Per mesi abbiamo assistito alla misera trattativa che i media ci hanno raccontato. Sembrava fatta con Fratelli d'Italia, alla fine è approdato alla Lega di Salvini che evidentemente garantisce di più i suoi interessi personali. E così chi doveva sbarrare il passo alla Lega ha portato il Comune di Giulianova proprio nella “grande famiglia della Lega” (vedi tweet di Salvini).
Sarebbe questo il rinnovamento della politica promesso da Costantini in campagna elettorale?
Noi pensiamo che la buona politica debba impegnarsi per ben governare la propria comunità e non di usare il potere per acquisirne sempre di più a fini esclusivamente personali.
Senza ideali, senza coerenza, senza cultura, senza competenza, la politica muore e non garantisce il buongoverno alle comunità amministrate.
Chissà poi come si sentono quegli elettori che temendo la vittoria della Lega hanno sostenuto Costantini al ballottaggio facendolo diventare sindaco!
È evidente, infine, che con questa scelta Costantini ha spostato l’asse politico dell’amministrazione comunale molto a destra e tante sue scelte amministrative riecheggiano questa collocazione politica.
Davanti a questo nuovo quadro politico i cittadini attendono le analisi e le decisioni degli assessori e dei consiglieri di maggioranza.
Noi del Cittadino Governante dall’opposizione, continueremo ad impegnarci per il vero rinnovamento della politica in città.